... Être le bienvenU ...

mer

23

nov

2011

La nuova realtà di Comme des Garcons!

Quando si pensa al colore bianco è difficile non associarlo all’innocenza, alla purezza, alla luce e al bene, ma probabilmente anche a momenti che segnano passaggi importanti e cambiamenti delle nostre vite.

E se vogliamo, invece, pensare al termine moda anche in quel caso la nostra mente non potrà non ricordare i cambiamenti che la stressa ha affrontato e a cui questa ha portato.

E se provassimo ad unire questi due concetti, cosa potrebbe succedere?

La risposta sta, semplicemente, nella collezione net-a-porter primavera-estate 2012 di Comme Des Garcons.

 

Un total white rivoluzionario e, se non visto, impensabile, non a caso, infatti, sarebbe potuto uscire unicamente dal genio sorprendente di Rei Kawakubo.

Questa collezione completamente innovativa segna grandi cambiamenti nei nostri pensieri.

Comme Des Garcons mostra l’immagine di una donna diversa, eccentrica, che sembra volerci mandare un messaggio molto forte, infatti, le sue maniche lunghe sotto il ginocchio o legate in un fiocco sembrano urlare la prigione in cui si trova richiusa.

Le maschere, i veli e copricapi a forma di grandissime orecchie, a punta o scultorei  fanno unicamente intravedere il volto delle modelle.

I tagli variegati, l’ampiezza delle gonne, la larghezza dei pantaloni e qualche trasparenza è ciò che caratterizza gli abiti, che richiamano l’attenzione, maggiormente per le distese di fiori,il raso, i volant e il semplice cotone che li orna.

Un ritorno al Barocco e al Rococò esplode nella crinolina che gonfia la gonna e, che, in alcuni casi, addirittura, la sostituisce.

Una donna nuova che si presenta come una sposa innovativa, un fantasta., una fata, una cavaliere romano ricoperto da elmi in pizzo macramé.

Una collezione che s’innova completamente nelle giacche, nelle mantelle, negli abiti a forma di sacco e nelle cappe.

Una donna fasciata e immersa nel bianco, oscurato solo da qualche tenue, ma intenso spruzzo di nero negli stivali e nei graffiti che, raramente, decorano l’abito.

La scelta di questi particolarissimi abiti e copricapi si contrappone con le shoes, date unicamente da stivali in vernice e allacciate maschili in cavans.

 

Un unico termine per descriverla: rivoluzionaria.

Ma potrà questa collezione che sembra fuggire dalla gabbia della realtà vivere nella realtà stessa?

 

leggi di più 0 Commenti

mer

23

nov

2011

La donna estiva di Emanuel Ungaro

leggi di più 0 Commenti

mar

08

nov

2011

La moda giapponese: multistile

Questo è un pezzo che ho appena finito di scrivere per un nuovo conrcorso di vogue... non ne sono molto soddisfatta, ma avendo a disposizione solo mille battute ho cercato di presentare in modo superficiale, ma completo la visione che io ho della moda giapponese! 

leggi di più 0 Commenti

dom

06

nov

2011

Here we are!

leggi di più 0 Commenti
Commenti: 0

Merci... Au revoir! =)