... Mostra watch & clicK ...

Vogue Fashion Night Out 07-09-2011

Mostra Palazzo Morando Mostra "Watch & Click"  organizzata da Vogue Gioiello, Vogue.it in collaborazione con Assorologi.

Sant'Andrea, Milano.

 

Selezionata da:

Corcorso: vogue.it

Tema: il tempo

 

Tic, tac... ferma su una poltrona guardo scorrere le lancette dell’orologio,quel orologio tanto amato ed odiato. Ed ora che di tempo non ce n’è più mi rendo conto di come lo abbia vissuto.Mi rendo conto dell’importanza di quei piccoli rumori che ti ricordano di come il tempo vola via e con esso momentiimportanti della tua vita. Mi ricordo di quando al tempo neanche ci pensavo e trascorrevo le giornate semplicementegodendole, era indifferente un secondo, un minuto o un’ora in più, la cosa importante era viverlo. Non avrei maipensato che ogni secondo vissuto in più fosse un secondo in meno tolto alla mia vita; il tempo scorreva senza cheio me ne accorgersi. Poi cos’è successo? Non credo ancora di saperlo, ma arrivata in quella grande città essoiniziava ad essere sempre più importante. Un minuto di ritardo e avrei dovuto aspettare la metro per altri tre minuti,un minuto di ritardo e avrei perso quel treno. Un’altra ora di attesa e a lavoro sarei arrivata con ben due ore diritardo. Non so se è stata quella grande città o se fossi semplicemente diventata più grande. Forse era la vita di tuttiche, attraverso diversi percorsi, avrebbe insegnato a capire cosa fosse il tempo. Avrei imparato qualcos’altro quellamattina che l’ ho incontrato. Improvvisamente le ore le vedevo come qualcosa da subire per arrivare da lui. Con lui iltempo volava, un bacio, un abbraccio e la notte cedeva il posto all’alba! Forse è stato più bello capirlo così comepotessimo desiderare che il tempo si fermasse, tornasse indietro o accelerasse, forse non ho mai amato e odiatoqualcosa così tanto con tutta me stessa. Dopo tutti questi anni seduta sulla stessa poltrona che ha accompagnatola mia vita mi rendo conto che la lezione l’ho imparata solo adesso. “Non importa vivere un secolo o un secondo,l’importante è farlo con il cuore e con passione” dissi a mio figlio. I miei occhi si chiusero. Il mio corpo vecchio erugoso salutava la vita, ma la mia mente era tornata bambina con qualcosa in più!